dolci,  ricette di Ottolenghi,  ricette veloci

Pere al cardamomo e vino bianco di Ottolenghi

 

Questa è una di quelle ricette che ho fatto decine di volte e che non sono mai riuscita a fotografare, il motivo è molto semplice: appena queste pere erano pronte le mangiavo subito, il tempo necessario perchè intiepidissero e via!
Di una semplicità disarmante queste pere al cardamomo e vino bianco di Yotam Ottolenghi vi faranno fare un viaggio sensoriale fra gusti e profumi inebrianti e come sempre succede nelle sue ricette perfettamente equilibrati. Nel mio caso diminuisco la dose di zucchero per un fatto di gusto personale perchè non amo il troppo dolce, anche se leggendo il mio blog sembrerebbe proprio il contrario 😉
Come tutte le altre ricette provate e promosse di Ottolenghi anche questa va nella pagina a lui dedicata che potete leggere cliccando sotto al titolo del blog “Ricette di Yotam Ottolenghi” .

 

 

 


 

Pere al cardamomo e vino bianco
da Jerusalem di Yotam Ottolenghi

 

4 pere sode (io ho usato 6 piccole pere coscia)
500ml di vino bianco secco
150g di zucchero (io 120g)
1,5 cucchiai di succo di limone
15 semi di cardamomo leggermente pestati
1/2 cucchiaino di stimmi di zafferano
un pizzico di sale
panna fresca per accompagnare

Versare il vino in una casseruola insieme agli altri ingredienti,
nel frattempo che arriva a bollore lavare e sbucciare le pere quindi metterle nel vino in modo che siano completamente immerse, se occorre aggiungere un po’ d’acqua,
coprire con carta forno e cuocere a fiamma dolce per 15-25 minuti, sono cotte quando inserendo la lama di un coltello questa affonda senza resistenza,
togliere le pere dal vino e rimettere la casseruola su fuoco alto e ridurre il liquido di 2/3 fino a quando diventa sciropposo,
servire le pere irrorate dallo sciroppo freddo o a temperatura ambiente accompagnate con panna leggermente montata.

Note:

Al posto della panna ho usato spesso del gelato alla vaniglia o fiordilatte servendo le pere tagliate a metà disposte nel piatto con sopra la pallina di gelato e lo sciroppo caldo.

 

 


 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.