biscotti,  dolci

taralli di semola rimacinata al passito di Malvasia

 
  
 
Vi avverto subito: 
saranno giorni in cui posterò a raffica, sappiatelo!
primo perchè ci sono dei contest in scadenza ai quali tengo partecipare, secondo perchè dopo l’intervento avrò tanto di quel tempo per stare ferma che vi ammorberò con ricette a ripetizione!
per cui dopo che non vi senta lamentare “marooo ma quanto posta questa?”!!
 
per fortuna ho abbastanza ricette in archivio da poter vivere di rendita, almeno qui sul blog, poi sul come mi nutrirò nel frattempo non è dato sapere, spero in qualche anima buona che pensi a me!
 
bene, fatte queste premesse che ditelo, potevo anche farne a meno, eccomi alla ricetta e al suo bellissimo contest.
avevo già partecipato la volta scorsa ad un contest di Teresa, per niente scontato e che mi aveva fatto conoscere prodotti di terra Lucana che mai avevo visto. 
questa volta invece di prodotti si parla di farine, di pasta e di pane in collaborazione con Mangiare Matera, società nata proprio per parlare e diffondere le eccellenze di questa regione per me devo dire con tutta onestà semisconosciuta e che sto imparando a conoscere grazie a iniziative come queste!
 
come prima ricetta (si, ve l’avevo detto che avrei postato come una forsennata!) ho pensato di fare dei taralli dolci ma diversi dagli originali (ricetta che fra l’altro mi è stata data proprio da un’amica che vive in Basilicata), infatti ho usato una farina di semola rimacinata di grano duro Senatore Cappelli e un vino….vabbè, scrivo la ricetta!
 



 
 
 
TARALLI DI SEMOLA RIMACINATA AL PASSITO DI MALVASIA:
 
 
500g di semola rimacinata di grano duro Senatore Cappelli
1 cucchiaio di zucchero più altro per i taralli finiti
150ml di olio extravergine d’oliva non troppo saporito
150ml di vino passito di malvasia
2 cucchiaini di lievito per dolci
 
impastare fino a formare un panetto morbido e non appiccicoso, avvolgerlo in un foglio di pellicola e lasciarlo al fresco 30 minuti,
riprendere l’impasto, staccarne dei pezzetti e con i palmi delle mani fare dei cordoncini, 
formare il tarallo piegando il cordoncino e schiacciando le estremità che andranno a chiuderlo,
proseguire fino alla fine dell’impasto, mettere i taralli su una o più teglie ricoperte da cartaforno e cuocerli a 200°c per circa 10 minuti, dovranno essere appena più scuri di quando li infornate,
una volta sfornati farli intiepidire e preparare un sacchetto con dentro dello zucchero semolato, mettere dentro anche i taralli e scuotere bene per far si che li vada a coprire bene, 
conservarli in una scatola di latta.
 
 
 


 
 
e questa è la prima ricetta che propongo al concorso Mangiare Matera.
 
 
 

 

Condividi

10 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.