dolci,  dolci al cucchiaio,  torte

Rotolo al dulce de leche veloce e arachidi salate

rieccomi!

non sto a raccontare niente dei giorni di ricovero, in troppi giudicano ciò che scrivo, in tanti aspettano un qualsiasi mio comportamento per attaccarmi, e non sono certo manìe di persecuzione!
sarà il corso della vita forse, uno crede di fare bene e invece come fa sbaglia; sbaglia parole, sbaglia atteggiamento, sbaglia faccia, per cui mi chiedo per cosa valga la pena esprimere quello che si è vissuto, le emozioni provate, i giorni belli e quelli orribili, nè interessa a nessuno e anzi dà sempre l’appiglio per giudicare, ed io sono francamente stanca, e molto!
ho pensato molto anche al blog, a quale sia adesso il motivo per cui lo tengo ancora aperto visto le pochissime volte in cui cucino qualcosa di vagamente interessante, e la risposta è che il blog mi obbliga a fare almeno una cosa per bene, impiattare con cura, allestire una sorta di set fotografico e soprattutto cucinare perchè se dessi ascolto alla mia disposizione d’animo aprirei scatolette di tonno a gogò!

fatta questa premessa (che non volevo fare) ritorno con un altro dolce.

 

 

un dolce “molto dolce” e che forse ad alcuni potrebbe sembrare stucchevole e che per questo ho voluto contrastare con delle arachidi salate…..bè, il consiglio è solo uno: fatelo!

 


ROTOLO AL DULCE DE LECHE E ARACHIDI SALATE:

per il rotolo:
3 uova
80g di zucchero
80g di farina 00
la punta di un cucchiaino di lievito per dolci
un pizzico di sale

accendere il forno e portarlo a 180°c,
foderare con cartaforno una teglia bassa e rettangolare di circa 25×3,0
montare le uova intere fino a che diventeranno bianche e avranno triplicato il loro volume, 10 minuti circa,
setacciare la farina con il lievito e il sale ed aggiungerla alle uova un pò per volta mescolando ogni volta dal basso verso l’alto per non smontare la massa,
versare l’impasto nella teglia, livellare e cuocere per 12 minuti a seconda dei forni,
togliere dal forno e arrotolare la pasta in un canovaccio, farla raffreddare.

per il dulce de leche veloce:
1 lattina di latte condensato (397g)

mettere la lattina chiusa in una pentola a pressione, coprire di acqua e mettere sulla fiamma,
quando inizia a fischiare contare 20 minuti,
sfiatare e togliere la lattina, lasciarla intiepidire.

inoltre:
60/70g di arachidi salate
rum

tritare grossolanamente le arachidi,
mettere in un pentolino acqua e rum a piacere, portare a bollore per far evaporare parte dell’alcol, fare raffreddare.

aprire la pasta arrotolata e spennellarla di sciroppo al rum,
aprire la lattina di latte condensato e spalmarlo sul rotolo, cospargere con le arachidi ed arrotolare nuovamente,
rifilare i bordi esterni ed avvolgere il rotolo nella pellicola per farlo compattare bene,
mettere in frigorifero e al momento di servire spolverarlo di zucchero a velo.

 

NOTE:

come ho detto all’inizio il dulce de leche è molto dolce, consiglio di spolverare il rotolo con poco zucchero a velo, quel tanto che basta per non portarlo in tavola nudo e crudo, ma se avete altre idee decorative fate come vi suggerisce la fantasia.

ho chiamato “veloce” questo metodo perchè il classico comporta non meno di due ore di cottura a fuoco dolce e sempre mescolando come in questa ricetta, se avete tempo e voglia fate pure, a differenza del latte condensato potrete diminuire un pò lo zucchero e farlo meno dolce, ma vi garantisco che anche questo è da provare!

se volete vedere altri impieghi delle arachidi salate nei dolci guardate qui e qui




16 commenti

  • Rossella

    Ci sono momenti duri e già questi bastano nella vita, se poi ci metti anche le critiche ….Ignora chi ti attacca, se diventi indifferente alle loro parole, se diventi forte…. cambiano vittima ! Forza !! Interessante il tuo dolce, o fatto anche io qualcosa col dulce de leche ma non con l'abbinamento salato… Auguroni e ciao !

    • cucchiaioepentolone

      le critiche non mi hanno mai troppo colpita, le critiche molte volte aiutano, è il giudicare che proprio non capisco, ma forse sono influenzata dal posto da dove sono appena uscita, lì i giudizi rimangono fuori dalla porta, lì chi per una cosa o per l'altra si è tutti uguali.
      riguardo il rotolo se ti va di provare l'accostamento col salato sentirai che delizia!

  • Caterina

    Dauly fregatene dei giudizi!!! Te lo consiglio proprio perchè in passato ho sofferto tantissimo per il mio desiderio di approvazione;non ti dico altro perchè sarebbe inutile. Complimenti per il tuo magnifico rotolo e geniale l'impiego delle arachidi salate

    • cucchiaioepentolone

      ma io non voglio l'approvazione di nessuno, vivo la mia vita come posso con gli errori e le cose giuste, come fanno tutti credo.
      i giudizi disturbano però, sono gratuiti perchè nessuno è perfetto e può puntare il dito contro un'altro, almeno questo è quello che penso io.
      guarda, non se se l'impiego delle arachidi sia geniale, ma il contrasto lo avevo già provato con un ripieno per cioccolatini ed è fantastico

  • Antonella

    fregatene dolcissima donnina grandiosissima!!!!! Sei una frza e te lo dico perché ti ho conosciuta e so quel che dico…..poi sei parmigiana….oppssss…parmense…..oppss…insomma mi stai simpaica anche per la tua collocazione geografica! Dolce stupendo….mamma mia, peccato abitare cosi lontana altrimenti sarei l'assaggiatrice ufficiale dei tuoi manicaretti dolci e salati!!! una domanda…io che non ho la pentola a pressione quanto pensi debba far cuocere il latte? Ciao bella un abbraccio e complimenti!!!!!!!!!!

    • cucchiaioepentolone

      parmigiana, i parmensi sono quelli della provincia e io cittadina sono!!! 😉
      allora, direi che dovrebbe cuocere in 45 minuti, poi lo puoi aprire e se è troppo chiaro lo travasi in un pentolino antiaderente e finisci di cuocerlo a fiamma bassa sempre mescolando, poi quando lo fai mi chiami e io arrivo, che in quanto ad assaggiatrici ci facciamo concorrenza!!

    • cucchiaioepentolone

      ah, io me ne frego ma quando si tocca la sfera personale, quella più intima allora un pò di incazzatura viene e ti passa la voglia di scrivere di te perchè sai già che verrà preso e distorto a piacimento, tutto qua.

  • Maura

    Ciao Dauly, è tantissimo che non scrivo su queste pagine…
    Che dire, personalmente penso che alcune cose riguardanti la sfera intima non vadano su un blog, perché purtroppo è pieno di gente che è sempre pronta a giudicare, poi però penso che ognuno debba sentirsi libero di scrivere ciò che vuole, per cui fai come credi e ignora la stupidità.
    Io adoro il dulce de leche, lo faccio spessissimo con il bimby, ora ho ridotto un po' o rischio di diventare un bidoncino! Rispetto alla ricetta originale dimezzo lo zucchero, se no è immangiabile! Per cui non credo proverò quello dal latte condensato, lo troverei dolcissimo, la questo rotolo con il dulche bimby e le arachidi salate deve essere una goduria! Spero di riuscire a provarlo presto, è che con i rotoli non sono molto abile, ho provato una sola volta e non è venuto molto buono 🙁
    Scusa il mega papiro!

    • cucchiaioepentolone

      io credo che ognuno possa fare del sui spazio quello che crede, ed è giusto avere opinioni diverse altrimenti sarebbe sempre un continuo monologo con se stessi, non si crescerebbe mai!
      certo sul blog non scrivo le cose più intime, ma i miei stati d'animo non li ho mai nascosti, non ho pudore della gioia o della sofferenza.
      detto questo parliamo del rotolo ^_^
      anch'io quando faccio il dulce col metodo classico metto meno zucchero, non l'ho mai preparato col bimby e la cosa mi incuriosisce molto, comunque prova questo accostamento, non te ne pentirai!
      ah, in questi giorni stavo pensando a un dolce after eight e cosa trovo nel tuo blog?? ;.)

    • Maura

      Ovviamente non voleva essere una critica, ci mancherebbe, è solo che non sappiamo mai chi c'è dall'altra parte purtroppo, e ultimamente anche x scemenze su FB mi sembra che le persone siano molto incattivite 🙁
      Se ti capita prova i muffins, molto cioccomentolosi! E io a breve di certo mi butterò su questa delizia!
      Il dulche con il bimby è comodissimo da fare, io uso una ricetta del ricettario on line di un ragazzo argentino 😉

Rispondi a Ale Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.